Cornice a Cassetta | Cornici Toscane Rinascimentali

cornice a cassetta

 

La Cornice a Cassetta è il modello di cornice più riprodotto in Toscana durante il Rinascimento. Si tratta di un modello così denominato per la sua particolare struttura che vista di profilo, nella sezione della cornice, si rivela essere bassa nella parte vicina al quadro e più alta verso l’esterno. Le cornici a cassetta si caratterizzano quasi sempre per avere una superficie piana nel mezzo, sufficientemente ampia da ospitare ornati finemente intagliati allo stile delle candelabre, oppure ornamenti dipinti in oro su laccature di vario colore.

 

Struttura della cassetta

cornice a cassetta sezione

Ho avuto la fortuna di vedere durante la mia esperienza di laboratorio, nell’ambito del Restauro della Cornice, alcune conrnici cinquecentesche a cassetta molto semplici, dotate semplicemente di dorature su modanature liscie e laccature per creare un gioco di  contrasti. Nel mio sito questi modelli sono esposti alla vendita ed io li considero tra i più interessanti per quanto riguarda il connubio tra stile antico e stile moderno. Intendo dire che sono cornici che si addattano tanto bene allo stile antico quanto allo stile moderno degli arredamenti.

Cornice a Cassetta Senese

Un modello molto particolare di cornice toscana è la Cornice a Cassetta senese. Le cornici senesi sono straordinariamente ricche a vedersi benchè siano cornici prive di intaglio e con semplici ornati dorati su su una superficie liscia laccata di nero. Le cornici senesi, come quelle Rinascimentali sono databili tra la fine del 400 e la metà del 500. Sono cornici ormai rare e molto costose. Si veda nella foto sotto una Riproduzione di cornice senese da me eseguita.  E’ un modello straordinariamente ricco. La parte dell’ornato che ci informa sulla sua provenienza è la quella della modanatura esterna che si compone di un quadrato dorato ed uno laccato di nero. Questo particolare stile che ricorda l’arte egizia dei sarcofaghi è ricorrente in gran parte nello stile senese.

Ornati della Cornice Senese

cornice senese

 

Gli angoli sono finemente decorati secondo la tecnica della doratura a mordente. Essa consiste nella stesura sulla superficie di un sottile velo di collante, denominato mordente appunto, sul quale si va a stendere successivamente la foglia dell’oro. L’oro farà presa solo sulla parte ove vi è la missione e quello in eccesso verrà spazzolato via. Il risultato è un decoro molto raffinato e lucente. A seconda della loro misura le cornici senesi possono avere nei mezzi di ciascun lato altri ornati ancora. Uno degli ornati più diffusi per i mezzi delle senesi è la rosa dei venti. E’ un simbolo che rappresenta i quattro punti cardinali. Nel corso della mia esperienza in laboratorio ho notato che la cornice senese rientra in quei modelli di cornici Rinascimentali più apprezzati per la loro difficile reperibilità sul mercato. Per noi maestri artigiani si tratta di un grande vantaggio in quanto ci da la possibilità di riprodurre spesso questo modello per tavole originali del 500 o del 400 sprovvisti di cornice. E’ un modello che non impone l’uso di materiali complessi e la sua esecuzione è piuttosto veloce, il che rende possibile produrla a costi relativamente accettabili. E’ uno di quei modelli che veste bene il quadro con il minimo dello sforzo.

Link utili

Di seguito un ottimo link per ottenere maggiori info sulla Cornice a Cassetta. (Disponibile in ligua inglese).

METROPOLITAN MUSEUM

 

 

 

Comments are closed.